ScriviBookTribu News

Il classico da rileggere (o da riguardare): Moby Dick

14 dicembre 2015

Prendere in mano un classico e rileggerlo dopo tanti anni può suscitare in noi lettori emozioni nuove, e risvegliarne altre che credevamo dimenticate. Guardare un film che prende spunto dalle vicende narrate in un romanzo può dare vita a queste emozioni, concretizzandole in immagini, dialoghi e suoni.

E' quello che succede con Heart of the sea, la pellicola ispirata alle vicende narrate nel noto romanzo di Herman Melville Moby Dick, pubblicato nel lontano 1851. Il film, diretto da Ron Howard e uscito in questi giorni nelle sale cinematografiche italiane, è una sorta di prequel del romanzo: la pellicola si apre infatti con il giovane Melville, scrittore alle prime armi, che cerca notizie sul naufragio della baleniera Essex, distrutta durante lo scontro con un cetaceo di straordinarie dimensioni. Le troverà grazie all'incontro con Thomas Nickerson, unico superstite della tragedia, che nel suo lungo racconto ricostruisce lo spaventoso episodio.

Il regista descrive il naufragio e le drammatiche condizioni dell'equipaggio attraverso immagini spettacolari, curate nel dettaglio, per dare l'impressione allo spettatore di essere egli stesso a bordo della nave, insieme ai marinai. Ma l'azione e lo spettacolo si mescolano comunque alle riflessioni su temi complessi, presenti anche nel romanzo di Melville, come la lotta tra il Bene e il Male e la ricerca ossessiva dell'oggetto irraggiungibile, la balena, destinata inesorabilmente a fallire.

Heart of the sea è un film in cui gli affezionati lettori di Moby Dick potranno ritrovare le atmosfere descritte da Melville nella sua opera, seppure filtrate attraverso personaggi inediti; ma potrà certamente conquistare anche chi non conosce le vicende della celebre balena, e chissà che, una volta usciti dal cinema, non venga voglia di prendere in mano il libro!

SCRITTO DA La Redazione
voti1 mi piace
commenti0 commenti
Condividi su

Torna su