ScriviBookTribu News

Lo strano caso del libro irlandese messo al bando dopo quarant’anni

18 marzo 2016

Censurare un libro sembrerà a molti un’idea medioevale, quasi un provvedimento da Santa Inquisizione, ma ci sono ancora diversi paesi nei quali vietare un libro per il suo contenuto è ancora possibile.

In Irlanda esiste un organo, il Censorship of Publications Board, che si occupa proprio di questo: fin dal 1926, anno della sua fondazione, esamina ed eventualmente mette al bando libri giudicati osceni, proibendone la circolazione in tutto il paese.

I cinque membri che compongono la commissione negli anni hanno preso di mira diversi romanzi, molti dei quali destinati a diventare classici della letteratura, da Il giovane Holden di J.D Salinger a Ragazze di campagna, di Edna O’Brien. L’ultimo in ordine di tempo, almeno fino a pochi giorni fa, era stato The Base Guide to London, una singolare guida ai luoghi più sordidi di Londra, messa al bando nel 1998. Lo scorso 11 marzo tuttavia il CPB ha deciso di vietare la vendita nelle librerie irlandesi del romanzo di Jean Martin intitolato The Raped Little Runaway, a causa delle scene di violenza contenute nelle sue pagine. Una storia decisamente anacronistica, soprattutto perché il libro incriminato è stato pubblicato per la prima volta nel lontano 1976. Perché proibire la vendita di un libro stampato 40 anni fa, per giunta quasi introvabile? Il motivo è presto detto: il CPB si pronuncia in merito dalla censura di un libro solo quando questo gli viene segnalato dai cittadini irlandesi, ed è possibile che nessuno avesse mai denunciato il libro di Jean Martin. Addirittura, secondo il blogger Liam O’Brien, è possibile che qualcuno si sia divertito a segnalare il libro alla commissione proprio per prendere in giro il suo operato: chissà che, dopo questo curioso episodio, non sia la censura ad essere messa definitivamente al bando!

Per approfondire:

http://www.ilpost.it/2016/03/16/irlanda-censura-libro/

http://www.mhpbooks.com/why-is-the-irish-censorship-board-banning-its-first-obscene-book-in-18-years/

SCRITTO DA La Redazione
voti1 mi piace
commenti0 commenti
Condividi su

Torna su