ScriviBookTribu News

Viaggio sentimentale nei Parchi Letterari italiani

24 luglio 2015

Molti hanno cominciato a leggere perché volevano viaggiare. E leggere era il modo più a portata di mano per fare viaggi incredibili, nel tempo e nello spazio, ai limiti del mondo reale e in quello della fantasia. Ora che siamo in periodo di vacanza, però, si ha voglia di viaggi in carne ed ossa. Ecco allora un’idea per i turisti-scrittori ed i turisti amanti della letteratura: i Parchi Letterari italiani. Questi parchi propongono il percorso inverso: viaggiare per davvero, alla scoperta della letteratura. E’ così che questi itinerari, che fanno parte della rete "Società Dante Alighieri", propongono una rilettura del paesaggio attraverso i passaggi dei romanzieri e i versi dei poeti che li hanno descritti. E’ un nuovo modo di viaggiare, sui passi di una emozione continua, fatta di parole e racconti. É un invito ad abbandonare – almeno una volta all’anno! - il mordi e fuggi, per indugiare sui luoghi, seguendo le orme letterarie dei "cantori" di ieri.

Vi abbiamo convinto? Volete sapere dove si trovano questi Parchi?

In Veneto, si può andare sui passi di Francesco Petrarca nel Parco Letterario dei Colli Euganei, circondato dai monti Cero e Castello, dove si narra che il novelliere stesse a lungo in contemplazione delle vallate.

Spostandosi in Toscana, si trova il Parco Letterario Giosuè Carducci a Castagneto Carducci, che affascina con il suo territorio fatto di dolci colline, vigneti, boschi, uliveti, pinete, spiagge e castelli.

Si possono rileggere descritti in parole i paesaggi  amati e dipinti da Piero della Francesca, Raffaello, Giotto, Luca della Robbia nel Parco Letterario Paolo Volponi nella zona del Montefeltro-Fermano (Pesaro Urbino, Fermo). Nel Lazio, tutto ruota attorno al Parco Letterario di Pier Paolo Pasolini a Ostia, in cui i percorsi proposti mettono in evidenza le realtà ambientali e sociali della periferia urbana, utilizzando l'abbondante letteratura di cui Pasolini è il primo autore.

La Sicilia vanta diversi Parchi Letterari: da quello di Giovanni Verga a Vizzini (Catania), capace di far rivivere le atmosfere del Mastro Don Gesualdo a quello di Modica (Ragusa) nel segno di Salvatore Quasimodo.

Ovunque si andrà, alla fine di questi viaggi sentimentali sui luoghi di alcuni dei più grandi geni italiani si avrà come la sensazione che questi scrittori, cantori e poeti siano ancora "vivi", un po' ovunque. Di certo viva è la loro grande eredità culturale e storica.

Più info: www.parchiletterari.com

 

SCRITTO DA La Redazione
voti1 mi piace
commenti1 commenti
Condividi su

Torna su