ScriviOpere candidate
ALTRO

Racconto: Il diavolo di Angelica

Angelica ha ventitrè anni. Elena non ha mai superato i diciannove. Sopra gli scogli che pendono direttamente sul mare, di fronte alla cattedrale di un'umida cittadina pugliese, Angelica trascorre intere serate a osservare una fotografia che ha scattato a Elena, ultimo ricordo di una terribile giornata di quattro anni prima. Quella fotografia è il simbolo di un rimpianto che non le dà pace. Soltanto il diavolo le offre un'alternativa, ma il diavolo di Angelica è speciale. "Non sono nero come contrapposto al bianco" dice il diavolo. "Io sono proprio come te: tanti colori" Ed è a questo punto che Angelica si trova a rivivere la notte del suo rimpianto più grande, quando dovrà trovare il coraggio di scegliere se continuare a indossare una maschera o vivere ciò in cui crede davvero.
voti18 mi piace
commenti20 commenti
maschera

Pietro dell'Oglio

Opere candidate Libri in vendita

Romanzo: La Biblioteca dei Libri insanguinati

Una notte A.Knight si sveglia di soprassalto ritrovandosi ben presto in un incubo che si ripresenterà il giorno dopo su ogni persona che incontrerà.
L’unico che però sembra ricordare è proprio Knight e, deciso a fare chiarezza si recherà in un luogo comparso misteriosamente. Lì sarà costretto a rivivere vecchi spettri del passato...
voti14 mi piace
commenti15 commenti

Racconto: Il misterioso ragazzo del Saint Mary

Correva l’anno 1950, quando tra le mura dell’Istituto d’Accoglienza: Saint Mary si verifica uno strano incontro. Un incontro che sarà l’inizio di un tormento, che sarà la causa dell’unico rimpianto di un vecchio solo e stanco alla fine dei suoi giorni. Un tormento che sessantanove anni dopo ritornerà a bussare alle porte della coscienza, a gridare vendetta per tutti quegli anni di dimenticanza. È con il ritrovamento di un vecchio diario e di una foto misteriosa, che inizia, o meglio, finisce, la storia di tale tormento. Con quei ricordi che sembrano confusi, oscillare tra il reale e l’onirico, che l’uomo decide di fare un’ultima cosa, prima che sia troppo tardi: raccontare la sua storia. Raccontare del misterioso ragazzo del Saint Mary che nel 1950, all’età di quattordici anni, conosce tra quelle mura rumorose e affollate dell’orfanotrofio della sua infanzia.
voti38 mi piace
commenti57 commenti
maschera

Antonio Agostinacchio

Opere candidate Libri in vendita

Racconto: Il riscatto

Ci troviamo a Roma, dove sul finire degli anni Sessanta troviamo Leonardo Bosco, un talentuoso violinista che ha fatto della musica la sua ragione di vita. Alla morte del padre verrà chiamato come unico erede da un notaio per ascoltare le ultime volontà dell’uomo che non l’hai mai accettato come figlio. Ormai orfano di entrambi i genitori, Leonardo, appena uscito da una profonda crisi nervosa che lo ha condotto sulla strada dell’anoressia, dopo l’apertura del testamento, per un proprio errore, incontrerà Dora, una vecchia amica con la quale intraprenderà un percorso che lo porterà a scorgere la luce in fondo al quel tunnel che di cui lui stesso non ha ancora trovato la via d’uscita, tornando a suonare la musica che lo che lo rende libero, dandogli la forza per vivere.
voti7 mi piace
commenti17 commenti

Romanzo: La Denuncia

La vita di un'anziana donna, con tutte le sue sofferenze e le gioie, raccontata da lei stessa nel momento in cui, furiosa, decide di denunciare chi, dal suo punto di vista, le ha causato le maggiori sofferenze.
voti2 mi piace
commenti2 commenti

Racconto: PERCORSI

l'AMORE PER LA MONTAGNA FA VIVERE MOMENTI DI ESTASI E SOFFERENZA.
voti2 mi piace
commenti0 commenti

Racconto: VITE LEGATE

Persone che abitano il pianeta le cui vite sono incredibilmente connesse tra loro, a volte senza che nemmeno se ne accorgano.
voti6 mi piace
commenti6 commenti

Racconto: Accadono cose meravigliose

Alice è una ragazza come tante. Vive un momento della vita un po' delicato, tra due mesi dovrebbe sposarsi con Gaetano, ma qualcosa va storto, o forse, per la prima volta, riesce ad andare per il verso giusto. Un giorno si ritrova l'album di foto della nonna e trova una corrispondenza di tanti anni fa che le apparteneva. Si tratta di lettere molto intense che contengono un vissuto sofferto ma felice. Grazie a queste lettere Alice troverà la forza e il coraggio necessari per prendere in mano la sua vita ed essere, finalmente felice. In fondo, si sa, accadono cose meravigliose.
voti35 mi piace
commenti15 commenti

Racconto: Il Bar degli Strani - una storia quasi vera

Nulla è impossibile anche se la vita non ti ha dato delle buone carte. Il sogno di quattro anime belle diventa realtà. Una storia "quasi" vera.
voti9 mi piace
commenti4 commenti

Racconto: Il crogiolo, ovvero pensieri dell'emisfero destro del cervello

Il chi siamo e dove andiamo è una domanda che Melchisedek, l’omino sconosciuto, non si pone mai. Perché i quesiti esistenziali presuppongono un’esistenza e invece, per il pescatore solitario, l’esistenza è priva di sostanza. Leila vorrebbe capire cosa significa essere un omino in un mondo senza tempo e Melchisedek è l’unico che possa aiutarla in questa ricerca, ma forse sarà lei ad aiutare l’omino senza tempo a capire che le domande sono esse stesse la vita.
Tutto è un circolo di pensieri, solo i Giganti di pietra osservano la vita, senza intervenire. Per le piccole anime che sognano c’è solo un modo per riuscire a capire il loro percorso di vita: ascoltare entrambi gli angeli sulle loro spalle. Uno è nero e l’altro è bianco, entrambi portano il peso delle loro ali di libertà e ognuno ha la sua verità.
voti14 mi piace
commenti2 commenti

Racconto: La voce fuori

Tre ragazzi nerd decidono di passare qualche giorno in una baita per giocare in pace fra loro.
Quando una strana voce proveniente da fuori inizia a perseguitare le loro giornate, la loro vacanza si trasforma in una prigionia
voti2 mi piace
commenti1 commenti
maschera

Davide Borgobello

Opere candidate Libri in vendita

Racconto: Questione di Fede

Una donna che lavora come domestica a mezzo servizio, a casa di un professore in pensione, si trova dinanzi a una terribile scelta, dal momento che lei è profondamente religiosa, e indossa quotidianamente una corona del rosario; il professore viceversa, è molto riluttante verso quella forma di fede e inviterà decisamente a Marja di non portare più quella corona in casa sua; ella sarà costretta a prendere una decisione: lasciare a casa il suo rosario, o sfidare il professore per vivere con coraggio ciò in cui crede.
voti1 mi piace
commenti0 commenti

Racconto: Isabella sulla tela

Un viaggio unico e surreale che attraversa l'arte e si nutre dell'amore per essa. L'opera d'arte è un'esperienza statica congelata nel presente? O esiste una realtà che travalica la tela? Il percorso di Febo alla ricerca di Isabella è tutto questo e molto di più.
voti1 mi piace
commenti0 commenti

Racconto: L'abbraccio che sarebbe durato un tempo eterno

in un periodo oscuro un uomo che non ha nulla fa un incontro che cambierà la sua vita
voti2 mi piace
commenti1 commenti

Racconto: NON ASCOLTARMI SE VUOI ESSERE FELICE

Sotto forma del resoconto di una psicologia riguardo gli incontri con una ragazza alle prese con l'esame di maturità e la sua più importante scelta di vita, ossia quella dell'università da frequentare, ci rendiamo conto di quanto, per poter essere felici, a volte sia più importante ascoltare se stessi piuttosto che i continui consigli altrui.
voti13 mi piace
commenti8 commenti

Racconto: Ricordo sfocato di un'amicizia

Bisogna avere le “palle di Dio” amava dire Norman Mailer nel suo capolavoro “I duri non ballano”. Per la cronaca da bambino non ricordo di aver mai ballato. Da adolescente l’ho fatto qualche volta finché non mi sono accorto che come ballerino ero piuttosto scarso, oltre che ridicolo… Dopodiché… vi racconto un aneddoto. Quando ero ragazzo passava dal mio paese un bus navetta che ci portava in una nota discoteca di Lequile (paese in provincia di Lecce) il “Finis terrae” (nome che credo abbia sempre qualcosa a che fare con il Salento, “la terra di dove finisce la terra” come amava dire un mio amico bolognese). Una volta giunti nel locale, sedevo in una poltrona e consumavo il mio solito gin tonic (la bibita preferita dai dandy criminaloidi; Fassbinder docet!). E a Praga, durante la gita del quinto anno di liceo non stavo neppure ad osservare i miei compagni di classe che ballavano… Bevevo, bevevo, bevevo e, solitamente, tiravo pugni sul tavolo. Spero che tutto questo qualcosa voglia pur voler dire….
Il racconto è in parte scritto sul modello delle “sollazzevoli storie” di Boccaccio; in parte si rifà ai “Contes drolatiques” di Balzac (che del libro di Boccaccio sono una rivisitazione), in parte ovviamente si rifà a certe suggestioni bukoskiane, a Céline, a Kerouac e in parte, perché no, a certi fumetti di serie z che andavo a comprare da bambino nell’edicola del mio paese.

voti10 mi piace
commenti0 commenti
maschera

Carmelo Fiorentino

Opere candidate Libri in vendita

Torna su