Nell'Ombra del Lupo

di Marco Franchino
NOIR
“Lo schifo di questo mestiere è che si comincia sempre dalla fine”.
Per il capitano Riccardo Corsari la fine è quel borgo abbandonato fra le montagne, dove l’unica distrazione è rappresentata dalla caccia ad un lupo che, secondo i racconti, vaga sfuggente per la valle. Non gli restano che due opzioni: dimettersi, come vorrebbero i superiori, o crepare in esilio.
La scoperta di tre fosse vuote nel cimitero del paese svela però una realtà ben diversa: il “Lupo” è un uomo, fuggito sulla montagna dopo aver ucciso la moglie e le figlie.
La ricerca dell’assassino, in una natura aspra e vuota, pare destinata al fallimento. Le morti si susseguono: prima il centenario Mundu, consumato fra le fiamme, poi l’ingenua Martina e infine don Stefano, il parroco, impiccato su un altare sconsacrato. Le autorità, intervenute nell’illusione di un facile successo, incolpano del massacro una coppia di pastori e fuggono.
Corsari potrebbe accettare quella che per molti è un’assoluzione e cogliere l’opportunità di andarsene prima che cali l’inverno, ma esita, consapevole che la verità resta non detta. Sarà la ricomparsa del “Lupo”, durante una tormenta di neve, a smascherare anche l’ultima menzogna.
voti0 mi piace
commenti0 commenti
Torna su