ScriviBookTribu News

Gli illustratori di BookTribu: Matteo Starc

12 marzo 2015

Oggi conosciamo un giovane illustratore della community di BookTribu, Matteo Starc, che per noi è come uno “special guest”. Leggendo l'intervista scoprirete perché.

Da quanto tempo ti dedichi a illustrazione e grafica e come mai hai iniziato?
Mi dedico alla grafica da circa poco più di un anno… sono nuovo diciamo! Il percorso è iniziato alle scuole superiori all’istituto d’arte. Adoravo le lezioni di progettazione e speravo di poter trascinare questa passione fuori dal contesto scolastico che limitava molto. La passione per la fotografia ha fatto sicuramente la sua parte. 

Hai dei modelli artistici a cui ti ispiri?
Mi piace molto Paul Klee e sono affascinato dalla semplicità. Attualmente come designer cerco di tenere d’occhio le tendenze attuali dei colleghi sparsi per il mondo grazie a piattaforme fantastiche come Pinterest e Behance. 

Quando realizzi le tue opere usi una tecnica specifica oppure ti piace sperimentare?
Cerco di farlo il più possibile, questo tipo di libertà è il bello dei lavori creativi: nessuna regola!  Se si tratta di un lavoro destinato alla produzione in massa come la progettazione della copertina l’approccio è quello più razionale del designer e non quello più “romantico” e indiscutibile dell’artista che fa dell’arte applicata, più che di tecnica per me è una questione di approccio mentale.

Hai già realizzato copertine per libri o ebook?
Ho avuto il piacere di realizzare la prima copertina per il romanzo “Freccia” di Emilio Alessandro Manzotti partendo dalle illustrazioni di Alessandra Santelli. È stata un esperienza molto divertente.

L'ultimo libro che hai letto e cosa ne pensi?
L’ultimo libro che ho letto è stato Alimentazione Naturale di Valdo Vaccaro mentre l’ultimo romanzo è stato “1984” di George Orwell. Mi è piaciuto molto e trovo che insieme a “La fattoria degli animali” - sempre di Orwell - sarebbe uno dei romanzi must da far studiare nelle scuole. Lo trovo estremamente attuale.

 
Come hai scoperto BookTribu e quali aspetti della community ritieni più interessanti?
Sono il grafico che ne ha progettato il logo, l’ho conosciuta proprio così. 
Inizialmente credevo si trattasse di una casa editrice come le altre pur conoscendo in realtà ben poco il mondo degli scrittori. 
L’aspetto più interessante di Booktribu  è la sua struttura social che divide gli iscritti in illustratori, scrittori ed editor. La possibilità di commentare estratti, il sistema dei like, è tutto molto innovativo e dalle grandi potenzialità. Sono davvero molto curioso di vedere quali saranno le linee guida e le modalità di svolgimento del primo contest.

SCRITTO DA La Redazione
voti0 mi piace
commenti0 commenti
Condividi su

Torna su